Blog

Agriturismo Maremma con Ristorante | Stella Blu | Curiosità in cucina: l’origine del Castagnaccio

Oggi parliamo delle curiosità in cucina e delle origini del Castagnaccio. Agriturismo Maremma con Ristorante Stella Blu.

Uno dei prodotti autunnali per eccellenza è la castagna. Marrone, liscia e dal gusto inconfondibile. Buona in tutti i modi: lessa, arrosto, alla brace, spunto per squisite ricette da preparare e da gustare magari di fronte ad un bel fuoco caldo del camino, sorseggiando un buon vino! 

Uno di questi dolci è proprio il Castagnaccio. Un dolce semplicissimo e gustoso a base di farina di castagne, vero e proprio simbolo dell’autunno e della cucina tradizionale del nostro paese. È apprezzato soprattutto nelle zone appenniniche, dove sono più diffusi i castagni, in particolare in Toscana e nelle regioni del Centro-Nord Italia, Lazio, Umbria, Emilia-Romagna, Lombardia e Piemonte.

Il Pan dei Poveri risalirebbe addirittura al Cinquecento… 

Questa torta rustica semi-dolce è nota sin dal Cinquecento. Un tempo era detto anche pane di legno o pane dei poveri per la semplicità degli ingredienti. Ma, come tutte le cose, i nomi che prende a seconda dei dialetti, nelle varie zone d’Italia sono davvero tantissimi, alcuni di questi: ghirighiopattonabaldino e migliaccio.

Ma tutti usati per indicare UN PANE BASSO, NON LIEVITATO, PREPARATO CON INGREDIENTI UMILI. 

La ricetta originaria è davvero molto semplice: la farina di castagne l’elemento principale, ricavato dalla macinazione delle castagne essiccate, che si mescolava con acqua, olio e rosmarino per ottenere un pane basso, non lievitato, che sostituiva quello più prezioso ottenuto dalla farina di frumento. Già in origine, però, non si conosceva una ricetta codificata del castagnaccio, che poteva essere arricchito con lo zucchero, la scorza d’arancia, i semi di finocchio, il miele ma anche il cacio o il lardo in base agli ingredienti a disposizione. Ma soltanto due ingredienti, l’uvetta e i pinoli, con il tempo, sono diventati i due maggiormente apprezzati, che oggi fanno parte della ricetta classica.