Blog

Agriturismo Alberese con Ristorante | Stella Blu | Il Picio Maremmano

Ti aspettiamo all’Agriturismo Alberese con Ristorante, Stella Blu, per assaggiare il nostro squisito Picio Maremmano, piatto caratteristico di questa terra.

I pici maremmani sono un un tipo di pasta fresca senza uovo, dalla forma allungata e irregolare, tipo uno spaghetto ma molto più spesso. Rappresentano un primo piatto che fa parte dei piatti della cucina povera, essendo realizzati con il minimo indispensabile: farina, acqua, olio e sale. Un formato di pasta dalla lunga storia che ben si abbina a tanti condimenti diversi, oggi simbolo della gastronomia Toscana.

LA STORIA DEI PICI SEMBRA AFFONDARE LE SUE RADICI IN EPOCA ETRUSCA…

Le prime testimonianze dell’esistenza di questo piatto si trovano nella Tomba dei Leopardi di Tarquinia, monumento funerario del V secolo a.C. che ritrae la scena di un banchetto: un servo porta a tavola una scodella contenente una pasta lunga, irregolare, che sembrerebbero proprio gli “antenati dei pici”.

La zona di origine è incerta, pare essere di confine tra Toscana, Umbria e Lazio. In queste tre regioni infatti la stessa preparazione prende nomi diversi: “lombrichelli viterbesi”; i “pisciarelli”, i “torcolacci”, i “filarelli”, i “lilleri laziali”; le “ceriole”, gli “stringoli” umbri e gli “stringozzi” perugini. Ma seppur il nome sia diverso, la preparazione e l’impasto sono gli stessi, la vera differenza lo fa poi il condimento.

Anche le origini del nome Picio sono incerte. Alcuni ritengono che derivi dalla figura di Marco Gavio Apicio uno dei più importanti gastronomi dell’epoca romana, autore di numerose ricette, altri sostengono derivi dalla località San Felice in Picis, una cittadina della zona di Castelnuovo, della diocesi di Arezzo. Altri ancora ritengono che il loro nome derivi dalla riserva di abete bianco di Piancastagnaio in provincia di Siena che presenta una forma lunga, stretta e bianca (come quella appunto dei Pici) chiamata Pigelleto, termine che presenterebbe una notevole assonanza con “Pici”. Ma forse, in verità il nome deriva dal gesto che si fa con il palmo della mano per far prendere all’impasto la forma del picio, quello che nel gergo culinario toscano è il verbo “appiciare”.

NUMEROSE SONO LE VARIANTI E I CONDIMENTI CON I QUALI I PICI SI POSSONO CONDIRE..ALL’AGLIONE, CON LE BRICIOLE, AL RAGU’, CACIO E PEPE… MA NON SOLO! 

TI ASPETTIAMO AL RISTORANTE “LA CANTINA” DELL’AGRITURISMO ALBERESE STELLA BLU PER ASSAGGIARE LA NOSTRA SQUISITA VERSIONE!